• La Torta Cioccolatina e la semplicità

    La semplicità, intesa non come banalità o cosa scontata, credo che sia un grande pregio, una qualità da riscoprire e valorizzare. Perché solo quando si abbandona il superfluo, quando ci si spoglia di tutti gli orpelli, di tutte le maschere, di tutto ciò che è solamente apparenza, solo allora quello che resta è davvero l'essenziale. Un concentrato di noi stessi, semplice ma sorprendentemente intenso.

  • Cinquanta sfumature di crêpe

    Le famose e buonissime crêpe francesi sono delle cialde sottilissime, morbide ed elastiche, cotte su una superficie tonda molto calda. Gli ingredienti base sono uova, latte e farina e possono essere farcite in tantissimi modi, con ripieni sia dolci che salati. In genere vengono considerate un piatto tipico della cucina francese, ma in realtà sono presenti preparazioni molto simili un pò in tutto il mondo, con farina di grano nella zona del Mediterraneo, con quella di grano saraceno in Bretagna e Russia, con riso fermentato e legumi in India ed Estremo Oriente, con mais e tapioca in America Latina.

  • Hasselback, le patate svedesi croccanti

    Sembra che questa ricetta abbia origini svedesi, e che sia nata dall'idea del cuoco di un ristorante di Stoccolma, l'Hasselbaken per l'appunto. Il segreto di queste patate croccanti è di essere tagliate a "fisarmonica", a fette molto sottili, cosa che permette al condimento e agli aromi di penetrare all'interno, creando strati di gusto.

  • La vera magia delle feste…la Gingerbread House

    Durante le vacanze di Natale, ed in attesa di festeggiare il Capodanno, le donne "normali" sono in fermento, alle prese con acconciature, shopping dell'ultimo minuto alla ricerca di abiti scintillanti, manicure perfette con smalti pieni di glitter, scomodissime scarpe con il tacco e lingerie di pizzo. Poi ci sono io, con il pigiama di Brontolo, avvolta nel tepore della cucina: fuori una nebbia fitta e ghiacciata, in casa un intenso profumo di zenzero e cannella.

  • La besciamella perfetta

    Nella cucina francese la salsa bechamel è considerata una "salsa madre", perché partendo da essa se ne possono ottenere molte altre, con l'aggiunta di alcuni ingredienti. Col termine di salsa si identifica un liquido o semiliquido utilizzato per condire un piatto; aggiunge corpo, umidità, brillantezza, sapore, colore o viscosità. La preparazione odierna della besciamella consiste nell'aggiungere del latte ad un roux bianco (ossia un composto di burro e farina), e portare ad ebollizione in modo tale che la salsa si addensi tanto da velare il cucchiaio.

  • Paris-Brest mignon con crema Chiboust al pistacchio e lamponi

    La forma circolare di molti dolci, soprattutto delle ciambelle, l'ho sempre associata simbolicamente alla sfera degli affetti, in modo particolare agli abbracci. Quegli abbracci così potenti e così autentici da fondersi in un unico circolo, all'interno del quale le emozioni ed i sentimenti possono fluire e scorrere senza ostacoli, in tutte le direzioni. Un abbraccio...non esiste posto migliore in cui riposare.

  • Tortél Dóls: un tortello…tante storie

    Domenica 14 Ottobre 2018 il centro storico di Colorno si animerà in occasione di una nuova edizione del Tortél Dóls, evento gastronomico promosso per la prima volta dal Comune di Colorno in collaborazione con l'Associazione Turbolenta e il consorzio Parma Quality Restaurants, con i patrocini di: Regione Emilia Romagna, Camera di Commercio di Parma, Parma City of Gastronomy, Associazione Comuni Virtuosi e Destinazione Emilia...

  • Cena “Parma Quality Restaurants per Fiorente”: quando la cucina diventa solidale.

    Ci sono incontri che ti cambiano la vita, sintonie che nascono fin dal primo istante e che crescono nel tempo, sbocciando in forti legami e meravigliose amicizie. Questo è quello che è successo quando ho conosciuto, più di un anno fa, la grande famiglia della Cooperativa sociale Fiorente. Mi sono innamorata dei ragazzi speciali che frequentano il centro diurno e degli educatori, che svolgono il loro lavoro con tanto impegno e passione...

  • Seconda stella a sinistra…il pane dolce dello Shabbat

    Ormai è quasi un anno che non faccio più parte della grande Community dell'MTChallenge, anche se una parte di me è lì che è restata. E non poteva essere diversamente, perché l'MTChallenge è come una grande famiglia, dove s'intrecciano ricette e storie di vita, dove nascono sintonie, legami e profonde amicizie. Dobbiamo riconoscerlo, il mondo virtuale del web qualcosa di positivo ce l'ha, ed è proprio la capacità di annullare le distanze, di superare oceani e montagne, diversità linguistiche, religiose e culturali, e di fare incontrare persone che altrimenti non avrebbero mai avuto modo di conoscersi...

  • La pasta frolla sablée di Luca Montersino

    La pasta frolla, già impiegata nel XVIII sec. per preparazioni salate (pasticci di carne e timballi di pasta), deriva dal perfezionamento della pate à foncer, già nota intorno all'anno mille. Questo impasto è uno dei più impiegati nella pasticceria moderna, soprattutto per crostate e biscotti, nonché per alcuni dolci della tradizioni, come la pastiera napoletana.