Cinquanta sfumature di crêpe

Le famose e buonissime crêpe francesi sono delle cialde sottilissime, morbide ed elastiche, cotte su una superficie tonda molto calda. Gli ingredienti base sono uova, latte e farina e possono essere farcite in tantissimi modi, con ripieni sia dolci che salati. In genere vengono considerate un piatto tipico della cucina francese, ma in realtà sono presenti preparazioni molto simili un pò in tutto il mondo, con farina di grano nella zona del Mediterraneo, con quella di grano saraceno in Bretagna e Russia, con riso fermentato e legumi in India ed Estremo Oriente, con mais e tapioca in America Latina.

In Italia abbiamo le crespelle, dai bordi più lisci, servite spesso farcite e condite come primo piatto, in Belgio ci sono le gaufre, cialde cotte su una doppia piastra a grata dalla caratteristica forma goffrata, in Bretagna si trovano le galette, realizzate con farina di grano saraceno, in Russia sono presenti i blini, piccoli e soffici, serviti con panna acida, salmone o caviale, negli Stati Uniti si preparano i famosi pancake, soffici frittelle simbolo della colazione a stelle e strisce. In Francia le crêpe sono il simbolo dell’amicizia e dell’alleanza, siccome i mezzadri erano soliti offrirle ai loro padroni. Inoltre era usanza esprimere un desiderio nel momento in cui si girava la crêpe nella padella. Una versione molto famosa delle crêpe dolci è la crêpe suzette, ripiena di salsa all’arancia e infiammata con il liquore Curaçao, inventata nel 1903 dal cuoco francese Escoffier, e considerata in quel periodo il top dei dessert di lusso. Sono così versatili in cucina, che si possono utilizzare al posto della pasta all’uovo per fare delle lasagne, oppure come fagottini per racchiudere dei ripieni a base di pesce o verdure. Farle è molto semplice, e per rendere tutto più divertente è possibile inserire altri ingredienti nella pastella, come ad esempio erbe aromatiche, spezie, centrifugati di frutta o verdura, per ottenere infinite combinazioni di gusto e di colore. Liberate la vostra fantasia! 🙂

Stampa ricetta
5 da 3 voti

Le crêpe

Preparazione10 min
Cottura20 min
Tempo totale30 min
Portata: Ricette di base
Cucina: Francese
Porzioni: 10 porzioni
Chef: Afrodita

Ingredienti

  • 500 ml di latte fresco
  • 250 g farina di grano tenero tipo 0
  • 3 uova
  • q.b. sale fino
  • q.b. burro

Istruzioni

  • Rompete le uova in una ciotola capiente, sbattetele con una frusta e aggiungete la farina poco alla volta, fino ad ottenere una crema.
  • Versate il latte gradualmente e mescolate con una frusta. Passate al setaccio, salate leggermente, coprite con pellicola e mettete in frigorifero a riposare per mezz’ora. 
  • Prendete la pastella dal frigorifero, ungete una piastra per crêpes o una padella antiaderente dal bordo basso di circa 22/24 cm con un pò di burro fuso, distribuendolo uniformemente con un pennello, e scaldate sul fuoco a fiamma media.
  • Versate circa un mestolo di pastella, alzate la padella dal fuoco e inclinatela con un movimento circolare per distribuire il composto su tutta la superficie in modo uniforme fino ai bordi (se utilizzate una piastra elettrica per crêpes per distribuire la pastella vi servirà l’apposita spatola in legno)
  • Lasciate cuocere per circa un minuto o comunque fino a che la crêpe inizia a staccarsi dal fondo e i bordi diventano croccanti.
  • A questo punto, con una spatola, girate con un gesto veloce la crêpe sull’altro lato e proseguite la cottura per circa un altro minuto. Prima di toglierla dal fuoco controllate che sia cotta. Continuate così fino ad esaurimento della pastella. 

Note

Potete conservare le crêpes in frigorifero impilandole in un piatto una sopra all’altra e coprendole con pellicola per alimenti.
Per ottenere crepe di gusti e colori diversi potete aggiungere alla pastella i seguenti ingredienti:
1 cucchiaio di curcuma in polvere, 1 cucchiaino di zafferano, 1 bustina di nero di seppia, 1 cucchiaio di cacao in polvere setacciato, la polpa di una piccola barbabietola rossa cotta e frullata, 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, 1 cucchiaio di pesto alla genovese, 100 g di foglie di spinaci sbollentate e frullate.
 
 
 
 

7 Comments

Rispondi a Silvia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.