Frittatine a forma di rosa con Silene (o erba del cucco) e pecorino dolce

Risultato finale

La Silene è una pianta erbacea perenne, selvatica, dai caratteristici fiori a forma di calice, chiamati bubbolini. Forse alcuni di voi se ne ricorderanno, perchè da bambini ne facevano scoppiare i fiori irrigiditi alla fine dell’estate, schiacciandoli con le dita. E’ più spesso conosciuta con diversi soprannomi, come erba del cucco, bubbolini, carletti, schioppettini, stridoli, grisòl e sclopit. Quest’erba, che cresce spontaneamente nei prati, vicino ai fossi o a ridosso di muretti, è molto ricercata in gastronomia, per il suo sapore dolce e delicato, tanto da essere considerata una delle migliori erbe selvatiche commestibili. I nostri nonni e bisnonni erano abituati a conoscere le erbe dei campi, a raccoglierle e ad utilizzarle per cucinare, cosa che purtroppo noi non facciamo più. E così molti prodotti del territorio finiscono per essere dei perfetti sconosciuti, e venire dimenticati. Con questa ricetta semplice semplice ho cercato di valorizzare questo ingrediente dal sapore unico e gradevole, fino a poco tempo fa, a me sconosciuto.

5.0 from 2 reviews
Frittatine a forma di rosa con Silene (o erba del cucco) e pecorino dolce
Autore: 
Tipo di ricetta: Antipasti
Cucina: Italiana
Tempo di Preparazione: 
Tempo di Cottura: 
Tempo Totale: 
Porzioni: ⅘ frittatine
 
Ingredienti
  • 2 uova biologiche o da allevamento all'aperto
  • 100 ml di latte fresco
  • 40 g di Pecorino dolce
  • 50 g di foglie di Silene Vulgaris
  • ¼ di cipollotto fresco
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale marino integrale
  • pepe nero q.b.
Istruzioni
  1. Staccare dai gambi e lavare le foglie di Silene
  2. In una padellina far soffriggere il cipollotto tagliato fine con un pò di olio evo, facendo attenzione a non farlo bruciare, quindi aggiungere le foglie di Silene e cuocere a fuoco basso per pochi minuti, fino a quando saranno appassite, regolando di sale solo alla fine
  3. In una caraffa graduata rompere le uova e mescolarle con una forchetta, poi aggiungere il latte, un pizzico di sale e di pepe
  4. Togliere le foglie di Silene dalla padella, tritarle al coltello (non usare mixer!!!) e aggiungerle al resto degli ingredienti
  5. Versare il composto in ⅘ stampini in silicone a forma di rosa (potrete usare anche dei semplici stampini da muffin) riempiendoli fino a ⅔
  6. Tagliare il pecorino a pezzettini e distribuirlo nei vari stampini
  7. Infornare in forno statico preriscaldato a 180° per circa 25 minuti, fino a quando le frittatine si saranno gonfiate e avranno preso colore in superficie
  8. A cottura ultimata non aprire subito lo sportello del forno ma lasciare le frittatine all'interno per circa 10/15 minuti
  9. Estrarre le frittatine dal forno, lasciarle intiepidire quindi sformarle e servirle in tavola
Note
Potrete servire queste frittatine accompagnate da insalata fresca oppure tagliate in due in senso orizzontale e farcite con prosciutto crudo o bresaola!!!

Link utili: Vuoi avere maggiori informazioni sulla Silene vulgaris? Clicca qui!!!

,,,,,,

4 commenti su “Frittatine a forma di rosa con Silene (o erba del cucco) e pecorino dolce”

  1. says:antonella

    Un antipasto particolare per una cena estiva!! Brava come sempre!!!

    1. Grazie Antonella, sei sempre molto gentile!!! Il tuo sostegno è molto importante e lo apprezzo tantissimo!!!! Un bacio

  2. ciao Afrodita,
    bellissime le tue rose e…sappiamo buonissime…BUONISSIME!!
    BRAVA!
    Ti vogliamo fare anche un grande EVVIVA per
    la tua Torta Susanna pubblicata oggi
    in Gazzetta!!!
    A presto e un bacio dalle 4 apine

    1. Ciao Apine
      È un piacere avervi qui nella mia cucina!
      Mi fa piacere che apinafrancy abbia apprezzato le mie frittatine !!! Afrodita sta diventando famosa eh???? Adesso anche sulla gazzetta!!!!
      A presto e un bacio a tutte voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota questa ricetta:  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.