Stampa ricetta
5 da 1 voto

Zuppa di fagioli con speck croccante e crostini di pane

Preparazione15 min
Cottura1 h 30 min
Tempo totale1 h 45 min
Portata: Primi
Cucina: Italiana
Keyword: speck croccante, Zuppa di fagioli
Porzioni: 4 Persone
Chef: Afrodita

Ingredienti

  • 500 g di fagioli secchi misti (borlotti, cannellini, neri, rossi, verdi, dall'occhio)
  • 5 cucchiai di olio e.v.o. + quello per condire la zuppa a crudo
  • 1,5 l di acqua
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • 2 rametti di timo fresco
  • 2 spicchi di aglio
  • 100 g di speck in una sola fetta
  • 4 fette di pane casereccio raffermo
  • sale marino integrale
  • pepe nero da macinare
  • parmigiano reggiano grattugiato q.b.

Istruzioni

  • Mettere in ammollo i fagioli secchi in acqua fredda per tutta la notte
  • La mattina seguente scolare i fagioli e sciacquarli sotto acqua corrente
  • In una pentola capiente dal fondo pesante in acciaio, o ancora meglio in coccio, scaldare quattro cucchiai di olio e.v.o. e farvi soffriggere gli spicchi d'aglio schiacciati, il rosmarino e il timo, facendo attenzione a non farli bruciare
  • Rimuovere gli spicchi d'aglio, versare nella pentola i fagioli e aggiungere l'acqua fredda, mescolare e proseguire la cottura a fuoco basso per circa 1 ora e 30 minuti (se necessario aggiungere altra acqua durante la cottura). Al termine della cottura rimuovere il rametto di rosmarino e di timo
  • Aggiungere una generosa macinata di pepe nero e regolare di sale (non aggiungere il sale all'inizio della cottura perchè altrimenti i fagioli secchi diventerebbero duri)
  • Tagliare la fetta di speck a piccoli cubetti e le fette di pane casereccio a pezzettini
  • Scaldare una padella antiaderente sul fuoco con un cucchiaio di olio e.v.o. e farvi tostare sia i crostini di pane che i cubetti di speck per pochi minuti, in modo da renderli croccanti senza farli bruciare
  • Servire la zuppa con un filo di olio e.v.o. a crudo, una generosa spolverata di parmigiano grattugiato e cubetti di speck e pane croccanti

Note

Per una consistenza più vellutata è possibile, a cottura ultimata, frullare una parte di fagioli in un mixer ad immersione e poi unire la crema ottenuta al resto della zuppa.
Per non disperdere gli aghi del rosmarino nella zuppa è possibile chiudere le piante aromatiche in una sacchettino fatto con garza sterile prime di utilizzarle, la quale andrà recuperata a fine cottura.