Stampa ricetta
5 da 1 voto

Yaki Onigiri con salmone caramellato e sesamo nero

Preparazione40 min
Cottura35 min
Tempo totale1 h 15 min
Portata: Primi
Cucina: Giapponese
Keyword: salmone caramellato, sesamo nero, Yaki Onigiri
Porzioni: 12 Onigiri
Chef: Afrodita

Ingredienti

  • 500 g di riso Originario
  • 650 ml di acqua (130 ml di acqua ogni 100 g di riso)
  • 250 g di filetto di salmone
  • 3 cm di radice di zenzero fresco
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 2 cucchiai di salsa di soia + quella per grigliare gli onigiri
  • 1 cucchiaio abbondante di miele
  • semi di sesamo nero q.b.
  • 8 cucchiai di aceto di riso
  • 2 cucchiaini di sale marino macinato fine
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna

Istruzioni

  • Lavare accuratamente il riso mettendolo in una bacinella coperto di acqua, sprimacciarlo bene tra le mani, come se fosse sabbia, e strofinare i chicchi tra le dita. Scolare il riso in un setaccio e sciacquarlo per bene sotto un getto di acqua corrente. Lavare la bacinella, versarci il riso, riempire di acqua e ripetere l'operazione per altre cinque volte, fino a quando il riso avrà perso buona parte del suo amido e l'acqua risulterà trasparente durante i lavaggi. Infine lasciare il riso in ammollo nella bacinella coperto di acqua pulita per circa mezz'ora (nei mesi invernali anche per 1 ora). Scolarlo di nuovo in un setaccio e sciacquarlo sotto un getto di acqua corrente. Ora il riso è pronto per essere cotto
  • Togliere la pelle, ed eventuali lische, al salmone, tagliarlo a cubetti e metterlo in una ciotola
  • Preparare una marinata mescolando in una scodella la salsa di soia, il succo del limone, il miele e la radice di zenzero grattugiata, poi versare il tutto sul salmone, mescolare, coprire con pellicola trasparente e mettere in frigorifero a riposare per almeno 30 minuti
  • Nel frattempo procedere alla cottura del riso mettendolo in una pentola in acciaio dal fondo pesante, coprire con l'acqua a temperatura ambiente e portare ad ebollizione. A questo punto abbassare la fiamma al minimo e coprire la pentola con un coperchio avvolto in un panno di cotone, in modo da sigillare e da impedire che le gocce d'acqua ricadano dal coperchio sul riso. Proseguire la cottura per 10 minuti SENZA MAI APRIRE IL COPERCHIO, poi spegnere il fuoco e lasciare riposare per altri 10 minuti, sempre SENZA MAI APRIRE IL COPERCHIO.
  • Mettere sul fuoco un piccolo pentolino con l'aceto di riso, il sale e lo zucchero di canna, aspettare che quest'ultimo si sciolga e spegnere il fuoco
  • Versare il riso in un ampio piatto per farlo intiepidire e mescolarlo con un cucchiaio di legno bagnato, unendo la salsa a base di aceto di riso.
  • Mettere sul fuoco una padella, versarvi il salmone con la sua marinata e farlo caramellare a fiamma vivace per pochi minuti, fino a quando è cotto
  • Tostare i semi di sesamo nero in una padella antiaderente senza grassi, muovendoli spesso e facendo attenzione a non farli bruciare.
  • Formare gli onigiri quando il riso è ancora tiepido, tenendo a disposizione una bacinella con acqua e un pizzico di sale per immergerci le mani (il riso è molto appiccicoso ed è impossibile modellarlo senza avere le mani sempre umide). Formare delle porzioni di riso di circa 70/80 g ciascuna, mettendo il riso su una bilancia coperta con della pellicola trasparente. Mettere nel palmo della mano 2/3 di riso prelevato da una porzione, farvi un incavo al centro, inserirvi un cubetto di salmone caramellato, coprire con la parte restante di riso e formare una palla. Sempre con le mani bagnate dare al riso una forma di prisma triangolare. Procedere così fino ad esaurimento del riso
  • Passare tutti i lati esterni degli onigiri nei semi di sesamo nero tostati, si attaccherano facilmente perchè il riso è molto colloso
  • Mettere sul fuoco una piastra coperta da carta da forno e grigliare gli onigiri 3/4 minuti per lato, poi spennellare il lato rivolto verso l'alto con abbondante salsa di soia, girare l'onigiri e proseguire la cottura su per circa 1 minuto, spennellare anche l'altro lato e grigliare per 1 minuto.

Note

Questa è la versione grigliata degli onigiri, ma se volete potete consumarli senza passarli sulla piastra, aggiungendo una striscia rettangolare di alga nori alla base, in modo da poterli afferrare agevolmente con le mani, senza che le dita si appiccichino.