Sos Pabassinos: i dolcetti sardi per Quanti modi di fare e rifare

Risultato finale

Questo mese le cuochine di Quanti modi di fare e rifare si sono date appuntamento nella cucina di Paola, del blog Pinkopanino, per imparare tutte insieme a fare i pabassinos. Eh si questa volta non è stato possibile spostarsi con la bicicletta o con l’auto perché, per andare a trovare Paola nella sua bellissima Sardegna, abbiamo dovuto prendere l’aereo, o imbarcarci su un traghetto. Ma ne è valsa davvero la pena perché sono buonissimi!!! I pabassinos sono dei dolcetti sardi tipicamente autunnali e devono il loro nome alla “pabassa”, ossia l’uvetta passa, che è il loro ingrediente caratteristico, e che un tempo era reperibile in seguito al periodo della vendemmia. In alcune zone, questi dolcetti venivano offerti ai bambini, che passavano di casa in casa a fare la questua per le anime dei morti, il primo di novembre. Oggi, che si è un po’ perso il legame con le stagioni e con le tradizioni, vengono preparati un po’ tutto l’anno, soprattutto in corrispondenza delle festività. Ogni zona e ogni famiglia ha la sua ricetta, c’è chi aggiunge i semi di anice, come ha fatto Paola, chi mette nell’impasto del mosto cotto o della marmellata, chi utilizza le nocciole e chi preferisce altri tipi di frutta secca. Questa è la mia versione, con noci, mandorle e gocce di cioccolato fondente, preparata a quattro mani con Sebastiano, il piccolino di casa, il quale si è divertito moltissimo sia a impastare i dolcetti sia a mangiarseli in giro per la casa!!! Alla fine della giornata non vi dico quale caos regnava nella mia cucina, con zuccherini colorati sparsi ovunque e glassa colata sul pavimento, però è stata una grande ricompensa quando, alla sera, Sebastiano ha distribuito a tutti, con grande soddisfazione, i pabassinos fatti con le sue mani!!!

banner cuochina 150x200 colonna laterale

5.0 from 3 reviews
Sos Pabassinos: i dolcetti sardi per Quanti modi di fare e rifare
Autore: 
Tipo di ricetta: Dolci
Cucina: Italiana
Tempo di Preparazione: 
Tempo di Cottura: 
Tempo Totale: 
Porzioni: 35 dolcetti
 
Ingredienti
Per la base dei pabassinos:
  • 500 g di farina di grano tenero tipo 0 (io ho usato una farina rustica semi-integrale)
  • 130 g di strutto a temperatura ambiente (io ho usato il burro)
  • 125 g di zucchero di canna
  • 3 uova da allevamento all'aperto
  • 1 limone grosso non trattato
  • 100 g di mandorle pelate
  • 100 g di noci
  • 125 g di uvetta passa
  • 60 g di gocce di cioccolato fondente
  • 1 pizzico di sale fino
  • 1 bustina di lievito (io ho usato il lievito naturale a base di succo d'uva - baking powder)
Per la glassa e la decorazione:
  • 250 g di zucchero a velo
  • ⅞ cucchiai di acqua
  • codette di zucchero colorate q.b.
Istruzioni
  1. Mettere l'uvetta passa in ammollo in acqua tiepida per circa mezz'ora
  2. Nel frattempo tostare le noci e le mandorle in una padella antiaderente, muovendole spesso per non farle bruciare. Quando la frutta secca inizierà a sprigionare il suo aroma e a prendere colore, spegnere il fuoco. Tritare la frutta secca al coltello per un risultato più grossolano, altrimenti utilizzare un mixer azionandolo solo per pochi istanti (non bisogna ridurre la frutta secca in farina!!!).
  3. Versare nella planetaria (o in un robot da cucina) la farina setacciata, il burro a temperatura ambiente (o lo strutto), lo zucchero di canna, la scorza del limone (evitando la parte bianca che è amara), le uova, il sale e il lievito. Azionare la planetaria utilizzando il gancio impastatore prima a bassa velocità e poi a quella media, per qualche minuto
  4. Aggiungere all'impasto le noci e le mandorle tritate, l'uvetta scolata dall'acqua e le gocce di cioccolato, quindi azionare di nuova la planetaria fina ad ottenere un impasto simile alla pasta frolla (se l'impasto fosse troppo umido aggiungere un po' di farina, invece se fosse troppo asciutto aggiungere un goccio di latte)
  5. Estrarre l'impasto dalla planetaria, dargli la forma di una palla, avvolgerlo nella pellicola trasparente e farlo riposare in frigorifero per mezz'ora
  6. Passato questo tempo stendere l'impasto su una spianatoia infarinata, utilizzando un mattarello, fino ad uno spessore di circa mezzo centimetro e ricavare tanti rombi o rettangoli tagliandoli con un coltello, fino ad esaurimento dell'impasto.
  7. Disporre i dolcetti su due placche da forno foderate con carta da forno e infornarle una alla volta a 180° per circa 15/20 minuti (quando la base inizia a prendere colore significa che i dolcetti sono cotti)
  8. Quando i pabassinos si saranno raffreddati preparare la glassa stemperando lo zucchero a velo con ¾ cucchiai di acqua, mescolando con cura per evitare grumi, quindi versarla sui dolcetti utilizzando il dorso di un cucchiaio per distribuirla in modo uniforme.
  9. Cospargere i pabassinos con codette di zucchero colorate e lasciar solidificare la glassa prima di consumare

sos pabassinos

24 comments

  1. Cuochina says:

    Buongiorno carissima Susanna e ben ritrovata!
    Eccoci qui di nuovo tutti insieme, tra caldi, confortanti colori autunnali e deliziosi profumini che si diffondono mensilmente nella nostra gioiosa cucina aperta!
    Anna e Ornella ti ringraziano calorosamente per la bellissima versione di Sos Pabassinos e ti aspettano, domenica 9 novembre, nella cucina della brava e cara Nadia per preparare i Caronsei!

    Ti aspettiamo!

    Baci
    Cuochina

  2. apelaboriosa says:

    Ciao Susanna,
    immaginiamo l’aiuto grande che avrai
    avuto da Sebastiano…molto brava a lavorare a quattro mani…chissà come si è divertito!
    Bravissimi a tutte e due per questi
    pabassinos bellissimi e buoni!
    Un bacio dalle 4 apine

    • Afrodita says:

      Ben ritrovate care Apine!!! Eh si in effetti l’aiuto di Sebastiano è stato davvero fondamentale, senza di lui non sarei mai riuscita a fare questi buonissimi dolcetti 😉
      La cucina è diventata un bel caos però alla fine ci siamo divertiti!!!
      Un bacio e a presto

    • Afrodita says:

      Ciao Paola, grazie per averci ospitate nella tua cucina e per averci insegnato questa golosa ricetta!!!
      Si devo ammettere che nella riuscita dei pabassinos l’aiuto del mio piccolo apprendista cuoco è stato determinante!!!
      Un abbraccio e a presto

    • Afrodita says:

      Ciao Anisja, ben ritrovata!!!
      I pabassinos sono già molto ricchi di per sé, ma non ho potuto resistere dal renderli ancora più golosi con le gocce di cioccolato! 😉

    • Afrodita says:

      Ciao Carla Emilia, hai perfettamente ragione! E’ davvero molto bello divertirsi in cucina con i bambini, anche quando sono ancora molto piccolini, e poi alla sera si è sfiniti dalla stanchezza…ma felici!

    • Afrodita says:

      Ciao Silvia, benvenuta nella mia cucina!!! Siamo allergici alle nocciole, quindi abbiamo utilizzato noci e mandorle, ma ti posso confermare che erano buoni anche così!!!

  3. Nadia says:

    Che bello fare i dolci con i bimbi ….. ci si diverte un sacco la cucina poi esplode ma che importa .
    La vostra versione è splendida complimenti!!!!
    Ti aspetto da me il mese prossimo un abbraccio :-)))

    • Afrodita says:

      Ciao Nadia, è proprio così…ci si diverte un sacco anche se poi la cucina diventa un campo di battaglia!!!
      Non vedo l’ora di preparare i tuoi casoncelli, ci vediamo nella tua cucina il mese prossimo!!
      Un bacio

  4. mm_skg says:

    Che bello avere due manine in aiuto in cucina! Buonissimi i vosti pabassinos! Immagino quanto orgolioso era poi Sebastiano!
    Baci e alla prossima!

    • Afrodita says:

      Ciao Marina, hai detto bene!!! Era davvero soddisfatto…soprattutto quando ho tolto la teglia del forno e, come per magia, lui ha visto, al posto dei rettangoli di impasto, dei biscotti veri e propri!!!
      Sono le magie della cucina!!! E poi come se li mangiava con gusto!!!

    • Afrodita says:

      Ciao Laly!!! A noi piace molto usare la farina rustica per fare biscotti e crostate, e anche per questi dolcetti si è rivelata perfetta!! Anche i tuoi sono venuti benissimo!
      A presto

Lascia un commento

Vota questa ricetta: