Lasagne primaverili ai carciofi e robiola per Quanti modi di fare e rifare

Risultato finale
Questa è una domenica davvero speciale, perchè l’appuntamento mensile con Anna, Ornella e tutte le cuochine di Quanti modi di fare e rifare, è proprio qui, nella mia cucina!!! Sono molto emozionata, perchè è un grande onore poter ospitare tutti proprio qui a Parma, per realizzare insieme un piatto tipico della mia regione, le lasagne verdi emiliane. Spero con tutto il cuore che vi siate divertite nel prepararle, e che siano piaciute sia a voi, che alle vostre famiglie. La preparazione richiede tempo, impegno e anche un pò di olio di gomito, per impastare e stendere la sfoglia, ma alla fine, la soddisfazione di aver portato in tavola qualcosa di genuino e così gustoso, è impagabile. Per la mia versione mi sono lasciata ispirare da queste giornate di sole, dalla primavera e da alcuni carciofi stupendi che ho visto al mercato. Adesso però non vedo l’ora di correre a vedere cosa avete preparato nelle vostre cucine!!! Un grosso grazie va ad AnnaOrnella e alla Cuochina, per avermi dato questa bellissima opportunità, e a tutte voi che avete condiviso insieme a me questa giornata. Buona domenica….e buone lasagne!!!

banner cuochina 150x200 colonna laterale

5.0 from 1 reviews
Lasagne primaverili ai carciofi e robiola per Quanti modi di fare e rifare
Autore: 
Tipo di ricetta: Primi
Cucina: Italiana
Tempo di Preparazione: 
Tempo di Cottura: 
Tempo Totale: 
Porzioni: 6/8 persone
 
Ingredienti
Per la sfoglia all'uovo:
  • 200 g di farina di grano tenero tipo 0
  • 100 g di semola di grano duro
  • 3 uova da allevamento all'aperto
  • 1 presa di sale
  • acqua q.b.
Per la farcitura:
  • 10/12 carciofi freschi tipo mammole
  • mezzo porro
  • 300 g di formaggio Robiola
  • olio extra vergine di oliva
  • pepe verde
  • sale marino integrale
Per la besciamella:
  • Seguire la ricetta cliccando sul link in fondo alla pagina
Per ultimare:
  • 60 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • pangrattato q.b.
Istruzioni
  1. Su un piano di lavoro disporre le due farine mescolate e fontana, aggiungere una presa di sale e rompere al centro le uova. Con una forchetta sbattere le uova e rubare a mano a mano un pò di farina dai bordi per amalgamarla con le uova, ottenendo una specie di crema. Aggiungere gradualmente anche il resto della farina, iniziare a lavorare il composto con le mani, che all'inizio si presenterà piuttosto sbriciolato. Continuare a lavorare l'impasto fino a che sarà diventato liscio ed elastico, aggiungendo al bisogno, un pochino di acqua. Coprire con una bacinella rovesciata e far riposare almeno mezz'ora.
  2. Dividere l'impasto in tre o quattro parti più o meno uguali, prelevarne una e avvolgere il resto nella pellicola trasparente per non farlo seccare. Stendere la prima porzione di pasta su un piano di lavoro infarinato, utilizzando un mattarello, fino ad ottenere uno spessore di circa 1,5 mm e conferendogli una forma rettangolare, grande circa quanto la pirofila nella quale verranno cotte le lasagne. Rifilare il rettangolo con un coltello e ottenere tre sfoglie. Procedere allo stesso modo con le altre porzioni di impasto. Stendere le sfoglie su un canovaccio pulito e lasciarle seccare (chi non volesse stendere la sfoglia con il mattarello potrà usare tranquillamente l'apposita macchina e procedere come d'abitudine).
  3. Pulire i carciofi (meglio indossare dei guanti per non macchiarsi le mani) tagliando il gambo, eliminando le foglie più dure ed esterne e la barba interna e tagliando i cuori centrali in spicchi.
  4. Mettere sul fuoco una casseruola con un paio di cucchiai di olio extra vergine di oliva, aggiungere il porro tagliato fine e un pò di acqua, e lasciarlo stufare per una decina di minuti, fino a quando si ammorbidisce. Versare nella casseruola anche i carciofi, mescolare ed aggiungere tanta acqua fino a che saranno sommersi per metà. Cuocere a fuoco basso e con il coperchio per 15 minuti, poi togliere il coperchio e proseguire la cottura per almeno 25 minuti, aggiungendo acqua se necessario, e comunque fino a quando i carciofi saranno teneri e l'acqua sarà evaporata. A metà cottura regolare di sale e aggiungere una generosa spolverata di pepe verde al mulinello. Spegnere il fuoco e lasciare raffreddare.
  5. In una terrina versare i carciofi raffreddati e tagliati grossolanamente con un coltello, aggiungere la Robiola e mescolare per amalgamare il tutto. Tenere da parte.
  6. Preparare la besciamella come indicato nella ricetta che troverete cliccando sul link in fondo alla pagina. Coprirla con pellicola trasparente a contatto e tenere da parte
  7. Lessare le sfoglie di pasta in abbondante acqua salata in leggera ebollizione, due o tre alla volta, per non farle attaccare, per due o tre minuti (dipende dallo spessore delle sfoglie), scolarle con un mestolo forato e metterle ad asciugare su un canovaccio pulito
  8. Stendere sul fondo della pirofila leggermente imburrata un paio di cucchiai di besciamella, poi disporre il primo strato di sfoglie, e sopra di esso versare ⅓ della farcitura e una spolverata di parmigiano grattugiato. Proseguire così per altri due strati, terminando con uno strato di sfoglie.
  9. Ricoprire con uno strato uniforme di besciamella, con il parmigiano reggiano grattugiato e con una spolverata leggera ma uniforme di pangrattato.
  10. Infornare in forno preriscaldato a 190° per circa 20 minuti. terminando con 8 minuti di cottura con la funzione grill, in modo che si formi una crosticina croccante sulla superficie.

 Link utili: Come fare la besciamella

20 comments

  1. Cuochina says:

    Buongiorno Susanna cara!
    Che delizia per la vista ed il palato, oggi nella gioiosa cucina di quanti modi di fare e rifare, si gustano le tue meravigliose lasagne verdi emiliane!!
    Io Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziamo per la stupenda accoglienza e per aver preparato e condiviso questa tua nuova personale, fantastica versione.
    Ti aspettiamo da Solema il 12 di maggio alle ore 9:00 con gli gnocchi di fagioli
    Un abbraccio

    Cuochina

    • Afrodita says:

      Care Anna Ornella e Cuochina, è stato un vero piacere avervi qui nella mia cucina!!! Sono contenta che vi siano piaciute le mie lasagne e non vedo l’ora che arrivi il prossimo mese per preparare i gnocchi di fagioli!!! Un bacione

  2. apelaboriosa says:

    ciao Susanna,
    che siano primaverili o quelle verdi con il ragù le tue lasagne sono sempre splendidamente invitanti!!
    Ci siamo divertite molto oggi nella tua cucina!!
    Le tue ricette sono spiegate ed illustrate sempre in modo generoso ed attento.
    Complimenti e un bacio dalle 4 apine
    .

    • Afrodita says:

      Care Apine, mi fa davvero molto piacere che vi siate divertite, e che abbiate trovato le mie ricette chiare e dettagliate. Vi ringrazio di cuore per il bellissimo disegno che avete fatto, e per la vostra golosissima versione vegetariana delle lasagne! Bravissime come sempre
      P.s. appena riesco ve le copio subito le lasagne con le crespelle 😉

  3. La cucina di Anisja says:

    Ma quanto sono belle! uno spettacolo con quei bei carciofi che fanno capolino tra le sfoglie, devon essere di un buono!
    Ecco un’altra ricetta da rifare al più presto 🙂
    Grazie per il favoloso pranzo: oggi tra una versione e l’altra ho hatto una scorpacciata di lasagne 🙂
    A presto …

  4. carla emilia says:

    Ciao Susanna, grazie infinite per questa sontuosissima ricetta che hai voluto regalarci! Anche la versione con la robiola deve essere squisita, la proverò di sicuro. Un abbraccio e buona settimana, alla prossima 🙂

  5. elena says:

    versione primaverile approvata alla grande! è stato un piacere cucinare insieme a te, le lasagne sono uno dei piatti migliori della nostra tradizione e farlo conoscere ed apprezzare è sempre un orgoglio!
    un bacione e a presto!

    • Afrodita says:

      Carissima Elena, hai pienamente ragione!!! Le lasagne sono uno dei nostri piatti migliori ed è con orgoglio che le ho proposte per questo appuntamento. E’ stato bellissimo cucinare insieme a tutte voi, grazie infinite per aver partecipato anche tu!!!

Lascia un commento

Vota questa ricetta: